RSS

Archivi tag: Larizza Salvatore

Chi confida nell’Eterno è al sicuro

È scritto che ‘la paura degli uomini costituisce un laccio, ma chi confida nell’Eterno è al sicuro.’ (Proverbi 29:25) Difatti ‘l’empio fugge senza che alcuno lo perseguiti, ma il giusto se ne sta sicuro come un leone.’ (Proverbi 28:1) ‘V’è una gran sicurezza nel timor dell’Eterno; Egli sarà un rifugio per i figli di chi lo teme. Il timor dell’Eterno è fonte di vita e fa schivare le insidie della morte.’ (Proverbi 14:26-27)

Salvatore Larizza

 

Tag: , , , , , ,

Non c’è da intendersi

E’ scritto che ‘se un savio viene a contesa con uno stolto, quello va in collera e ride, e non c’è da intendersi.’ (Proverbi 29:9) E questo perchè ‘lo stolto dà sfogo a tutta la sua ira, ma il savio rattiene la propria.’ (Proverbi 29:11)

Salvatore Larizza

 

Tag: , , , , , , ,

Sia il matrimonio tenuto in onore da tutti

‘Sia il matrimonio tenuto in onore da tutti, e sia il talamo incontaminato; poiché Iddio giudicherà i fornicatori e gli adulteri.’ (Ebrei 13:4) Nessuno si illuda dunque, poiché né i fornicatori né gli adulteri erederanno il regno di Dio. (Cfr. 1Corinzi 6:9-10)

Salvatore Larizza

 

Tag: , , , , ,

Il sacrifizio degli empi e la preghiera dei giusti

È scritto che ‘il sacrifizio degli empi è in abominio all’Eterno, ma la preghiera degli uomini retti gli è grata.’ (Proverbi 15:8) E ancora che ‘il sacrifizio dell’empio è cosa abominevole; quanto più se l’offre con intento malvagio!’ (Proverbi 21:27) E questo perchè ‘la via dell’empio è in abominio all’Eterno, ma egli ama chi segue la giustizia.’ (Proverbi 15:9)

Salvatore Larizza

 

Tag: , , , ,

I perversi di cuore e gl’integri

E’ scritto che ‘i perversi di cuore sono un abominio per l’Eterno, ma gl’integri nella loro condotta gli sono graditi.’ (Proverbi 11:20) ‘Poiché l’Eterno ha in abominio l’uomo perverso, ma l’amicizia sua è per gli uomini retti.’ (Proverbi 3:32) E dunque sono ‘beati quelli che sono integri nelle loro vie, che camminano secondo la legge dell’Eterno.’ (Salmi 119:1)

Salvatore Larizza

 

Tag: , , , , ,

Gli animali

animali‘Poi l’Eterno Iddio disse: ‘Non è bene che l’uomo sia solo; io gli farò un aiuto che gli sia convenevole’. E l’Eterno Iddio avendo formato dalla terra tutti gli animali dei campi e tutti gli uccelli dei cieli, li menò all’uomo per vedere come li chiamerebbe, e perché ogni essere vivente portasse il nome che l’uomo gli darebbe. E l’uomo dette de’ nomi a tutto il bestiame, agli uccelli dei cieli e ad ogni animale dei campi; ma per l’uomo non si trovò aiuto che gli fosse convenevole. Allora l’Eterno Iddio fece cadere un profondo sonno sull’uomo, che s’addormentò; e prese una delle costole di lui, e richiuse la carne al posto d’essa. E l’Eterno Iddio, con la costola che avea tolta all’uomo, formò una donna e la menò all’uomo. E l’uomo disse: ‘Questa, finalmente, è ossa delle mie ossa e carne della mia carne. Ella sarà chiamata donna perché è stata tratta dall’uomo’. Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà alla sua moglie, e saranno una stessa carne. E l’uomo e la sua moglie erano ambedue ignudi e non ne aveano vergogna.’ (Genesi 2:18-25)

Nel principio Iddio menò all’uomo tutti gli animali che aveva creato e benedetto affinché se ne trovasse qualcuno che gli fosse un aiuto convenevole, e affinché l’uomo potesse dare un nome a tutti loro. Sappiamo bene che non se ne trovò alcuno che gli fosse un aiuto convenevole, poiché era necessario che Iddio formasse la donna, poiché cosi Egli aveva innanzi stabilito. Badate bene, la donna! Non un altro uomo né un animale, ma la donna. Iddio ha stabilito che l’unione può avvenire solo tra uomo e donna, e questo perché la famiglia, quella vera, è formata da uomo e donna, checché ne dicano i contenziosi! Questo non significa però che un uomo non possa provare alcun sentimento di amicizia o di affetto per un altro uomo o per un animale, significa solamente che essi non sono stati stabiliti da Dio per formare una unica carne con l’uomo. Se io dunque avessi un animale e gli volessi bene, tanto da affezionarmene, non vedo perché dovrei essere biasimato per questo. Stò forse facendo qualcosa di contrario alla volontà di Dio? Non credo proprio. Certo, naturalmente bisogna stare attenti a non farsi un idolo del proprio animale domestico, e a non ‘umanizzarlo’, tenendo bene a mente che resta pur sempre un animale; ed infine, ma non meno importante, bisogna anche fare attenzione affinché questo animale non mi sia di intoppo nel servire il Signore e nell’avere comunione con la fratellanza; ma questo discorso può essere fatto benissimo inverso tante e tante altre cose, e non solo verso gli animali. Ricordiamoci fratelli che talvolta il Signore si usa proprio degli animali per sovvenire a dei nostri bisogni, perché loro ubbidiscono alla Sua voce; gli uomini invece si mostrano quasi sempre ribelli e disubbidienti verso Dio, perché non Lo ascoltano affatto. Quindi fratelli e sorelle nel Signore, diamo il giusto peso alle cose, la donna sia reputata l’unico aiuto convenevole per l’uomo, ma non reputiamo un qualcosa di contrario alla volontà di Dio il potersi affezionare ad un animale.

Salvatore Larizza

 
 

Tag: , , , , , ,

Guardati dal farlo

In due circostanze particolari l’apostolo Giovanni si prostrò davanti ad un angelo del Signore per adorarlo, e l’angelo del Signore entrambe le volte lo riprese severamente, mettendolo in guardia e mostrandogli come anch’egli fosse un suo conservo e che bisognava adorare Iddio, secondo che è scritto : ‘E io mi prostrai ai suoi piedi per adorarlo. Ed egli mi disse: Guàrdati dal farlo; io sono tuo conservo e de’ tuoi fratelli che serbano la testimonianza di Gesù; adora Iddio!’ (Apocalisse 19:10) e ancora ‘E io, Giovanni, son quello che udii e vidi queste cose. E quando le ebbi udite e vedute, mi prostrai per adorare ai piedi dell’angelo che mi avea mostrate queste cose. Ma egli mi disse: Guàrdati dal farlo; io sono tuo conservo e de’ tuoi fratelli, i profeti, e di quelli che serbano le parole di questo libro. Adora Iddio.’ (Apocalisse 22:8-9) Guardati anche tu dunque dall’adorare alcuno all’infuori di Dio. Adora Iddio.

Salvatore Larizza

 

Tag: , , , ,