RSS

Archivi tag: proponimento di Dio

Quanta insensatezza…

parola-e-luceQuanta insensatezza è presente nei sostenitori del cosiddetto ‘libero arbitrio’… Più leggo i loro discorsi insensati e più ringrazio Iddio di come mi ha tolto tempo fà le scaglie dagli occhi, affinchè potessi comprendere il ‘proponimento dell’elezione di Dio’! Quanta avversione contro questa meravigliosa dottrina cosi tanto odiata da taluni ma anche tanto amata da altri! Ma il mio cuore si rallegra nel constatare come stiano crescendo sempre di più coloro che la difendono strenuamente dagli attacchi di questi insensati. L’apostolo Paolo già ai suoi tempi rivolse ai santi queste domande : ‘Che diremo dunque? V’è forse ingiustizia in Dio?’ (Romani 9:14a) ma la risposta la diede egli stesso dicendo loro : ‘Così non sia.’ (Romani 9:14b). Anche noi fratelli dunque faremo bene a fare le stesse domande a quanti affermano ancora oggi che Dio sia ingiusto nell’agire in questa maniera; e daremo loro la stessa risposta che diede Paolo : COSI NON SIA! Difatti se pensate solo un momento il perchè Paolo fece quelle domande, capireste che anche a quei tempi c’era il pericolo che nelle menti di taluni potesse sorgere l’idea che Dio fosse ingiusto. Altrimenti Paolo perchè le avrebbe fatte? Se non c’era questo pericolo che motivo c’era di farle? Ma proprio in virtù di ciò egli le fece e tolse via ogni dubbio con quella risposta, che era solito dare, per annullare i vani ragionamenti contrari alla sana dottrina. Continuate fratelli a parlare cosi come la Bibbia parla e a distruggere ogni vano ragionamento che si eleva al di sopra della Parola di Dio! Tutte le cose che avete imparate e ricevute dall’apostolo Paolo, fatele; e l’Iddio della pace sarà con voi. Nessuno vi seduca. State sani.

 

Salvatore Larizza

Annunci
 

Tag: , , , , , , , ,

La salvezza appartiene all’Eterno

scala-cielo‘Poiché Egli dice a Mosè: Io avrò mercé di chi avrò mercé, e avrò compassione di chi avrò compassione. Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia.’ (Romani 9:15-16)

Sia ringraziato Iddio che ha avuto mercè e compassione di noi.
Sia ringraziato Iddio che ha operato in noi il volere e l’operare secondo la sua benevolenza (cfr. Filippesi 2:13).
Sia ringraziato Iddio che ci ha attirati a Cristo Gesù per essere salvati e ci ha rivelato in Gesù il Cristo (cfr. Giovanni 6:44; Matteo 16:16).
E questo perchè non è dipeso dalla nostra volontà nè dalla volontà di coloro che hanno ‘corso’ ad annunciarci l’evangelo; ma è dipeso da Dio che ha voluto farci misericordia.
E’ dipeso da Dio che ha mutato in noi il volere e l’operare.
E’ dipeso da Dio anche il fatto che siamo andati a Gesù e che Lo abbiamo riconosciuto come il Cristo, il Messia, il nostro Salvatore e Signore.
Dunque se riconosciamo che la salvezza risiede nella volontà di Dio abbiam motivo e ragione di ringraziarLo con tutto il nostro cuore; ma se affermiamo che siamo salvati per la nostra volontà e allora faremo bene a ringraziare noi stessi; o quanto meno a volgere una parte del ringraziamento a noi stessi. Oh, lungi da noi un simile pensiero! Dio ha scelto proprio le cose deboli per svergognare le forti, le cose che non sono per svergognare quelle che sono, affinché il vanto sia escluso e affinché la gloria, il ringraziamento e la lode vadano interamente a Dio e al suo Cristo (cfr. 1Corinzi 1:26-31). L’uomo non potrà giammai dire ‘la mia mano è stata quella che m’ha salvato’, proprio come non poterono dirlo Gedeone e i 300 con lui (cfr. Giudici 7:2).

A Dio dunque che ci ha messi in grado di partecipare alla sorte dei santi nella luce e che ci ha riscattati dalla mano dell’avversario e ci ha trasportati nel regno del Suo amato figliuolo sia la gloria, la maestà, l’imperio ne’ secoli dei secoli. Amen.

Salvatore Larizza

 

 

Tag: , , , , , , ,